William Landi

Ma chi che ti vor bene come tu m

Natr d'un cane, accidenti a te e a chi t' cacato, era meglio sav cacato un rospo!

Ti gira, oh! 'un s' neanc' svegli che pensa a digrum, ni fa filo tutto, ni fa, e i voglia di pestanneli ne la chirba, 'un c' verso di fanneli ntende che 'r troppo stroppia. 'Ngordo come In lotro; 'n bottino addirittura; quier che trova 'ngossa; per Iu' bachine o curignolo, pescio o patete, bitola o maIlegato miglieccio, ma lo

vo' sap, s'un trova artro sgraciola anco la pasta cruda; 'na vorta 'n mi s'attacc a 'n impiastro di linseme!

0 che ne li dic per male io! E' che ti piglia certe 'ndigeschione da oglio santo; h, tre unce d'oglio d'origine 'un ni bastano: ci vole anco un par di perette di lavativo pe' smovilo.

Ma poi fusse per er mangi e basta; mi fa dann 'n tutto, quer figliolo; l'i pe' la casa, 'n ti d pace 'n menuto: corre, arruffa, spacca, sicch 'n vedi ll'ra di levattelo da' cogliombani e 'n ti par vero che 'ndia a f 'na giratina; da la padella 'n de la brace casco, che ti credevi!

Er meno che possi f 'n de la via, di d noia a chi passa, fusse 'r Pateterno 'n persona; 'n paura di nimo; .'n se no, piglia la bricichetta e va via come 'n istrice e se 'n si fa male Iu', mi viengono a f la rimpensione perch ito a rifin addosso a quarcuno.

Ma. se ti dico che sversato In tutto; se va ne lo sdngolo, tun ispetta che ni tocchi com'all'artri bimbetti e po' si dondola piano piano; no, Iu' butta di sotto chi c' e si fa spinge e si spinge 'nsino gua(s)si a riv a caporece; una vorta o l'artra, dionoguardi, ni sgruciola 'na mano.... 'un mi ci fa pens.

Per, n' corpa anco 'r can di su p; ci ride 'nvece di brontolallo e quand' la strombola lo Incita a mir le lampane de la via; e poi quer budellone lo picchi a sangue perch, con un tiro che 'un c' bimbetto che lo possi fa., rompette er fiasco cor vino alla Mena che cor collo che ni rest 'n mano viense a recram e ci tocc ridannelo pieno.

A son di chiamallo, quando rivo alla sera mi viene 'r rancico alla gola, ma come si fa. Figliaccio e po' d'un cane te e chi t' misso ar mondo; era meglio se quer giorno m'ero sognata ghiande; vieni a pigli merenda che fra 'n pop l'ora di cena!

E' gi la, tersa che fa, ma se vo' che mi dia retta 'n c' artro verso; e d'artra parte, se

'n p 'r vermocane? Povero bimbino mio! Piuttosto che vedetti pat pi caro che t'ingobbi; e lasciala di' la gente che dice che sei sversato, ti vorrebbeno ved come

'n troncico fatto e misso li, h, ma 'un lo sano che bisogna d all'et quer che l'et richiede?

Natr d'un cane, mangia ammodino; ma che i paura che te lo portino via o d'un sse a tempo a 'nd a fa' dispetti?

Nimo (willian Landi)

Indietro Home Page